Prime impressioni RSV 1000….

SCHEDA TECNICA
Marca: Aprilia
Modello: RSV 1000 R Factory
Cilindrata (opzionale): 998
Colore (opzionale): Rosso fluo/Grigio piombo
Particolari Caratteristiche: Terminali racing E.S.C. con mappatura eprom dedicata
Cominciamo dall’inizio. Quest’acquisto nasce dalla voglia di "farsi un regalo" per colmare un paio di grosse delusioni raccattate a inizio anno.
E così, dopo 1000 patemi sul cambio di cilindrata, ho scelto semplicemente quella che più mi piaceva. Quella che avrei avuto più soddisfazione a guidare. Ed ora posso dire di avere fatto la scelta giusta.
Il passaggio da 125 2 tempi a 1000 bicilindrico può sembrare una cosa da pazzi, ma questa moto è molto meno cattiva e minacciosa di quanto sembri. Merito della proverbiale qualità di guida targata Noale, capace di mettere a suo agio anche un incapace, e in grado di infondere la massima fiducia nel mezzo fin dalle prime battute.
La posizione di guida è sensibilmente diversa, con la sella molto alta e arretrata, pedane altissime e i polsi molto carichi sull’avantreno, per strada alla lunga risulta costrittiva ma sicuramente nell’uso in pista risulterà cosa ben gradita.
Il motore non è proprio come me lo aspettavo, ma è stata una piacevole sorpresa….  intendiamoci, è ovvio che scendendo dal 125 qualunque moto a 4 tempi sembra un missile. nel caso in questione si passa da una zanzarina urlante di 110 kg con coppia motrice praticamente nulla, a un bisonte di 200 kg con la coppia di un gorilla di montagna incazzato e la sciagurata tendenza a tirare per benino già dai 3000 giri, cosa che in strada ti fa andare… un pò troppo fortino senza accorgertene.
Dicevo, il motore mi ha stupito per le caratteristiche. Mi aspettavo un propulsore graduale e "amichevole", invece la RSV ha una spiccata propensione a girare alto. Dai 3000 giri spinge bene diventando più concreto sui 4500-5000, poi ai 6000 improvvisamente diventa brutale e parte una spinta spaziale che non si esaurisce fino ai 10500 circa… oddio, c’è ancora un pò di allungo ma i 10500 sono la soglia ottimale, difatti ho impostato il led di avviso cambiata a quel regime.
Probabilmente questo carattere molto deciso del propulsore è dovuto anche alla coppia di terminali aperti, che rendono la vita decisamente più facile al biclindrico di 60°. Difatti, nei terminali originali sono presenti, oltre alla sonda lambda, ben due catalizzatori… una volta liberata da questa "zavorra" ambientale, la RSV è libera di esprimersi come si deve.
Bastano i primi 10 minuti in sella per capire che queste moto non sono fatte per la strada, basta un paio di gradi di acceleratore in più per incrementare la spinta con decisione e torvarsi subito a ridosso della macchina che fino a 2 secondi prima era 200 metri più avanti…. anche la posizione, molto carica e sportiva, non aiuta.. è come se la moto ti invitasse a sdraiarti in carena e dare tutto gas. Ci vuole testa, e bisogna stare molto attenti.
Che dire della guida? Qui comincia il capitolo che più mi piace. Questa moto praticamente va da sola. Alle bassissime velocità ci si rende conto subito di avere sotto le chiappe un bestione pesantissimo, basta tuttavia alzare un pò l’andatura che la RSV si comporta magnificamente. Sembra di guidare un 250, tale è la reazione immediata ad ogni sollecitazione che gli imprimi. A tutto ciò va aggiunta una stabilità semplicemente incredibile, capace di non farti impensierire neanche quando ti ritrovi a passare su una curva in viadotto in tangenziale con i guinti di dilatazione che ti fanno sobbalzare a velocità ben superiore di quanto consentito dal Codice….
La moto l’ho ritirata con un assetto che, a dire il vero, non mi era molto congegnale. Per l’uso stradale ho ammorbidito davanti e dietro e ho ritarato la molla del mono sulla base delle indicazioni reperibili sul sito del buon Ed il Polso, e le cose sono migliorate di molto. Queste sospensioni, benchè a detta di alcuni siano delle Ohlins "patacca", fanno bene il loro lavoro. Ho provato per curiosità a spostare un paio di click in compressione sul posteriore durante una sosta al tabaccaio, e ho captato la differenza… seppur minima, ma si sentiva. Col 125 per sentire un cambiamento tangibile nel comportanento del mono non bastavano 5 click…… 
Certo, non è una moto da città. Se col 125 ancora ancora ce la fai, con questa soffri tantissimo. Meglio strade di montagna dove le tonnellate di coppia del motore ti permettono di mangiare qualunque salita, le strade del lago con curvoni larghi e veloci… dove col 125 a malapena te li godevi a 170, adesso è un’altra musica… ma sempre concentrati e con l’occhio attento a captare ogni cosa che succede sulla strada. Con una moto così va tutto più in fretta e non ci vuole molto per riflettere e pensare a quanto è dannatamente facile farsi male con un mezzo simile.
E’ vero, in caso di necessità ci sono i freni… e che freni. Anche se, ovviamente, non puoi certo sperare che sistemino tutto loro. Però l’impianto completo Brembo serie oro è decisamente all’altezza della sua reputazione, basta un dito per fermarsi con una decelerazione consistente, a due dita la frenata è già davvero forte e si percepisce l’alleggerimento netto del retrotreno… a quattro dita si rischia il cappottamento. All’inizio non è stato così semplice abituarcisi ma una volta fatte le misure si riesce perfettamente a modulare la frenata.
Finora ho parlato dei pregi.. è anche prevedibile, nell’esaltazione dei primi tempi dopo l’acquisto è difficile essere scontenti. Le critiche che per ora posso muovere a questa (stupenda) moto sono poche…. la prima marcia troppo corta, meglio usarla solo per partire e poi dimenticarsela se non ci si vuole ritrovare a candela a 6000 giri, la posizione di guida è abbastanza costrittiva (anche se, diciamocela tutta, se ti piace la moto che guidi poco te ne importa), e la mancanza di un "regime tranquillo" del motore… le 4 cilindri in basso "dormono" cosa che le rende, a certi regimi, molto dolci e sfruttabili per strada, cosa che aiuta a non andare troppo forte.. questo bicilindrico, invece, ha giusto il range dai 3000 ai 4500 in cui va "pianino"… poi inizia a spingere subito forte.
Ora non mi resta che finire di conoscerla e prenderci la mano il meglio possibile.. questa moto restarà stradale per un annetto al massimo, poi la farò solo pista come ho già fatto con la RS 125. Penso che andrò a provarla in pista già quest’estate, ad agosto, se mi sentirò pronto.
E, per allora, scriverò una nuova recensione…
 
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...