twenty-four years old

Per la cronaca, da qualche minuto ho compiuto 24 anni. Non che sia particolarmente emozionato, anzi per dirla tutta mi sa pure che domani sera non si combina un bel niente. Anche perchè il brutto di questo periodo è che in genere sono tutti o quasi in ferie e non restano molti con cui festeggiare. E poi, non sono mai stato il tipo che ha amato fare grandi cose quando compie gli anni. Per molti non è così.. ma si sa, sono particolare e fatto a modo mio.
In genere a me le festività fanno l’effetto opposto.. mi mandano in paranoia. Come quando arriva il periodo natalizio.. vado sempre giù di morale. Non chiedetemi prchè, non lo so… so solo che le atmosfere festose e allegre, magari un pò finte, figlie di quel dover essere "felici per forza" che ormai fa parte del credo della nostra società, mi fanno percepire un senso di profonda inqiuetidine.
E oggi è un pò la stessa cosa, in famiglia tuti saranno felici e sorridenti, ovunque sarà un crepitare di "tanti auguri" "buon compleanno" io ringrazierò, sorriderò, ma dentro sento sempre che qualcosa non va. A volte mi chiedo se non ho qualche turba seria 🙂 .
O forse semplicemente per me il diventare di un anno più vecchio è forse un momento di riflessione.. più che di felicità. Ripensare a cosa ho fatto nella vita e chiedermi se ho fatto la differenza, se ho sempre fatto le scelte giuste, se potevo fare di meglio in qualche occasione… come sempre senza risposte. 24 non sono pochi, di cose da ricordare ce ne sono a quintali… ripenso a mille situazioni, mille facce… amici, avversari, nemici, mentori, persone che ho ammirato, imitato, odiato, amato, conquistato, o perso per sempre…. cose che ho fatto e che avrei potuto fare, rimpiantie vittorie.
Lo so, io non sono propriamente un positivo, e in fondo in fondo soddisfatto di me.. non lo sono mai stato. Ripenso a chi sono, cosa ho fatto, cosa ho imparato e cosa so fare e dovrei essere contento, ma.. non lo sono. Vorrei essere DI PIU’. E non so se è bene o è male. Perchè chi s’accontenta gode ma resta un mediocre. Chi non si accontenta farà sempre del suo meglio per diventare migliore ma non sarà mai propriamente felice.  E non provate a dire che "il giusto sta nel mezzo"… beh, trovatelo il mezzo, se ne siete capaci. Io è da 23.. anzi, 24 anni che ci provo. C’è stato chi mi ha detto che dovrei semplicemente trovarmi una donna…. ma non è l’affetto di un’altra persona che mi risolverebbe la questione. Anzi le incazzature, le paranoie e i grattacapi tipici che sono inevitabile corollario del rapporto intimo con una donna sono cose da cui voglio tenermi alla larga per ora.  E’ una cosa tra me e me. Sono un pazzo? Può darsi.. ma non credo. Sotto sotto, ogni essere umano è in conflitto con se stesso, chi più, chi meno. Io credo solo  di essere dalla parte del "più".
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...