Giorni di un passato che è ancora qui

Non so quanti anni sono passati dall’ultima volta che ho scritto un post di un blog qui. Ne ho scritti parecchi, nei miei primi anni da blogger. Qui, seduto alla scrivania della mia vecchia camera, magari a notte fonda, con solo la luce dello schermo a illuminare la stanza.

Sedersi qui è come ripercorrere a mente quegli anni. E rileggermi tutto il blog dàa una bella mano. Sono stati anni fantastici, certo costellati di alti e bassi, ma ripercorrendo tutto mi rendo conto che non mi è mancato nulla, sono sempre stato bene, ho goduto della compagnia di persone eccezionali e tutto quello che volevo dalla vita alla fine l’ho ottenuto ed è stato quasi sempre per merito mio.

Quello che mi sono lasciato alla spalle, in fondo, non è tanto importante quanto il come lo ho vissuto. E penso di aver vissuto tutto sempre al meglio. Positivamente, accettando sfide, vincendo e perdendo, come tutti noi del resto.

Ma ecco, se dobbiamo buttarla sul capitolo “ricordi”, credo che forse le cose che più mi fa piacere richiamare alla memoria sono quelle serate, quelle avventure, quelle “ragazzate da scappati di casa” che di tanto in tanto capitava di fare, nelle occasioni più disparate. Che fosse andare in discoteca e tornare a casa il giorno dopo dopo averne combinate di tutti i colori oppure caricare un furgone all’inverosimile con destinazione un qualche circuito a 500 km da casa per correre come pazzi in sella ad una moto elaborata.. sono davvero contento, contentissimo di tutto quello che ho fatto e se tornassi indietro, rifarei tutto palmo palmo dal primo all’ultimo giorno.

Da quando si andava in pista col 125, quando abbiamo iniziato a sognare di correre e di improvvisarci piloti almeno per una volta nella vita.. quando poi il 125 è diventato un 1000 e il gioco si è fatto davvero cazzuto e duro, quando i miei “meccanici”erano in realtà i miei migliori amici, quando ogni mercoledì sera il giro al Moto Club Desio era un rito prima di andare al Train e finire a discutere di gare, moto e velocità davanti al boccale ambrato di una Tennent’s… quando si usciva tutti al Fashion, e poi dopo qualche anno allo Sporting Club, quando si usava la “regola dello scontrino” per decidere chi guidava al ritorno, quando si facevano le baraccate in “Fattoria” o in “Campagna”… quegli anni in cui andavo a letto sempre tardissimo e mi alzavo sempre prestissimo, col mio vecchio lavoro che ero sicuro, sicurissimo non avrei mai molato nella vita perchè mi ci trovavo davvero bene, in quel mondo, così a contatto con l’aviazione..

Sì, la cosa comica è che se penso a quegli anni, probabilmente non avrei scommesso mezzo euro su dove sono adesso e cosa faccio adesso. Ma questo, probabilmente è il bello della vita. Anzi forse è il più bel regalo che la vita potrebbe farti… novità, sfida, avventura. La staticità, i giorni tutti uguali fatti di cose uguali, alla lunga diventano come la galera.

E poi pensando ad alcuni dei miei amici più cari, mi rendo conto che questo vale probabilmente anche per loro. 5 o magari 10 anni fa avremmo avuto una vaga idea di dove siamo oggi? Credo che la risposta sia la stessa per tutti… assolutamente no.

Oggi siamo un po’ dispersi, sparsi in giro.. per il mondo, è il caso di dirlo. Ma la cosa bella è che nonostante tutto, quando ci vediamo, è come se il cervello tornasse indietro di 10 anni. Perchè abbiamo vissuto giorni di un passato che è ancora qui. Perchè tutto quello che abbiamo fatto e vissuto insieme, dalle cose più stupide alle più impegnative, ci ha uniti. Restiamo vicini anche se lontani.

Eh, la cosa bella è che questo post non era premeditato. Mi sono seduto qui e ho ripensato a quando scrivevo i miei primi post del blog. E poi, è stato un attimo, ho iniziato a scrivere, tutto di getto e d’istinto. Sono contento perchè mi sono tirato parecchio su di umore. Ci voleva un po’, dopo gli ultimi periodi. E quasi quasi adesso pubblico le mie foto dell’aurora boreale dello scorso ottobre… e vorrei dedicarle alla mamma.

Un pensiero su “Giorni di un passato che è ancora qui

  1. È vero…mi son messo a leggerlo con calma e mi son reso conto che é proprio così quando ci incontriamo….anni di avventure indelebili che rimangono

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...