Piscine germaniche: vita da nuotatore in Germania

hallenbad

Chi mi conosce sa che dopo il rovinoso incontro con l’asfalto a 250 orari in quel di Monza ho definitivamente abbandonato lo sport motociclistico e ho quindi destinato tutte le mie (scarse) velleità sportive al nuoto.
Ecco, una delle cose un po’ strane con cui ho dovuto fare i conti qui sono le piscine. Qui in Germania, o perlomeno in questa zona, durante la stagione estiva le piscine al coperto chiudono. Tutte o quasi. Pochissime rimangono aperte. C’è una netta differenziazione tra le cosiddette “Hallenbad” ovvero le piscine coperte, e le “Freibad” ovvero gli impianti all’aperto. Normalmente, ai primi di maggio i primi chiudono i battenti, mentre le seconde aprono. Quindi se vuoi farti una nuotata, non hai altra scelta che gli impianti all’aperto. Questo per tutta la “Sommersaison” ovvero da Maggio a Settembre compresi. Ciò comporta almeno un paio di grossi, inevitabili, svantaggi.

Lati negativi: il tempo (atmosferico)

1) A Maggio e a Settembre in Germania il tempo (atmosferico) può giocare brutti scherzi, è assolutamente possibile avere temperature massime intorno ai 10 gradi… per i locali non è un problema, loro a nuotare (all’aperto) ci vanno lo stesso anche se nevica. Il problema invece per te c’è eccome, perché sei stato cresciuto dalla tua buona e protettiva mamma italiana che ti seppelliva sotto una coltre di maglioni e sciarpe non appena la temperatura esterna scendeva sotto i 20 gradi e sai bene che il tuo corpo non è assolutamente preparato a tutto ciò. Pertanto, onde evitare una sicura broncopolmonite, lasci perdere.

2) I tuoi allenamenti sono dipendenti dal meteo. Puoi provare a programmarli con l’ausilio delle previsioni del tempo ma il meteo nel Rheintal è estremamente variabile e cambia in fretta, pertanto la pianificazione spesso fallisce a causa dell’affidabilità delle previsioni – non molto elevata da queste parti. Pertanto è necessario passare dalla pianificazione ad una gestione “alla giornata” ovvero borsone da allenamento sempre con sè e all’uscita dall’ufficio previa valutazione di temperatura, situazione del vento e del cielo si decide se andare o no.
Purtroppo non è raro che capitino, anche in piena estate, periodi di tempo di M.. con pioggia e nuvole, in cui non riesci ad andare in piscina anche per 10 giorni consecutivi.

Va beh, ora che ho finito con i lati negativi, ne elenco qualcuno sicuramente positivo.

Lati positivi: Organizzazione e prezzi

1) In Germania le piscine sono molto piu´economiche che in Italia. L’impianto in cui nuoto abitualmente (vasca olimpionica + vasca ricreativa) costa 4,10 € durante la stagione invernale e 3,30 € durante la stagione estiva quando si nuota all’aperto. Prezzi che scendono ulteriormente se si passa agli abbonamenti. Un abbonamento annuale costa poco meno di 200 €.
È anche disponibile una tariffa scontata per chi entra nelle ultime ore di esercizio (normalmente dopo le 18 o le 19) in quel caso l’ingresso costa 2 €! Non ne vale la pena tuttavia, perchè le corsie diventano davvero affollatissime…

2) I tedeschi sono estremamente disciplinati in corsia, ad un livello generalmente superiore al nuotatore medio in Italia. Si dispongono con precisione rispettando la regola della corsia 4: i missili nuotano al centro, ai lati a scalare i più lenti. Ti danno sempre strada se vedono che arrivi più veloce. Se sono più veloci di te non sono assolutamente molesti nei sorpassi. Cercano quasi sempre di conciliare le tue pause e le tue ripartenze, nel limite del possibile. Non ho MAI, ripeto, MAI, dovuto inca**armi col solito cretino/a che ti parte davanti di proposito per darti fastidio (cosa che in Italia mi capita con regolaritá).

Velocità in corsia

Il livello del nuoto libero è mediamente più alto che in Italia – dove vado io non è così raro trovare gente che chiude ripetute da 100 metri a SL in meno di 1’20” e riparte dopo 10 secondi – cose che in Italia vedevo fare solo nelle corsie dell’agonistica. Se nel bel paese mi sentivo quasi sempre il re della corsia, qua ho subito una drastica ridimensionata.

Organizzazione corsie

Le piscine sono in genere così gestite: ci sono generalmente una, massimo due “Schnellschwimmbahn” ovvero le nostre corsie veloci. E ci entra solo chi nuota (per intenderci, chi in 30 min almeno 1500m li fa). Gli altri stanno nelle corsie laterali, generalmente non delimitate , riservate a chi vuole nuotare lentamente o in relax. Il resto delle corsie é riservato alle associazioni sportive e alle squadre (Vereine) oppure alle scuole. Le corsie a loro riservate (generalmente non meno di 4) sono conseguentemente chiamate “Vereinbahn” e “Schulbahn”. Se si nuota alla domenica, tuttavia, pressoché tutte le corsie sono disponibili al nuoto libero.

Spogliatoi

A differenza di quanto avviene generalmente nelle spa, gli spogliatoi sono separati tra uomini e donne, specie negli impianti più grossi. Può tuttavia capitare, nelle piscine più piccole, di avere lo spogliatoio in comune. In ogni caso, vi sono sempre cabine singole per cambiarsi e le docce sono sempre separate.
Il livello di pulizia in spogliatoi e ambienti comuni è circa equivalente alle piscine in italia – e anche qui, esattamente come in Italia, negli impianti comunali spogliatoi e docce sono messi un po’ peggio che negli impianti privati – eccetto per il fatto che le ciabatte sono, per molte persone, un optional. Almeno il 50% delle gente non le usa. Stesso dicasi per la cuffia (ma in questo caso, mi sono rapidamente adattato alle usanze locali ).

Il “Warmbadetag”

Alcune Hallenbad hanno, durante la stagione invernale, dei giorni in cui l’acqua è più calda (generalmente intorno ai 30 gradi). Questi giorni sono chiamati “Warmbadetag”. Di solito si tratta di impianti da 25 m. I tedeschi adorano l’effetto rilassamento dato dall’acqua tiepida, sfortunatamente non si tratta di una situazione ottimale per un allenamento. C’è un impianto vicino a casa mia in cui nei “Warmbadetag” l’acqua è a circa 28-29 gradi, per nuotare è abbastanza borderline ma si può fare. Certo non si possono fare lavori di velocità o di potenza, ma per fare 2500-3000 m in scioltezza va bene. Non per niente, è la mia nuotata relax del sabato.

Pubblicità

2 pensieri su “Piscine germaniche: vita da nuotatore in Germania

  1. L “odiatissima” cuffietta in Germania non esiste…e per me è una pacchia
    Ricordo un episodio del 2003 quando a triante mi han fatto pagare (15 anni fa) una cuffietta 3.5 euro…e il biglietto 9 euri per l entrata…da allora non son piu andato alla piscina triante…per una merda di cazzo di piscina…quando in Germania con 2.5 euri avevi il pomeriggio completo…non c e paragone contro la germania…molto ma molto molto meglio in germania

  2. Pingback: 10 cose (negative) da sapere prima di trasferirsi in Germania | Fogster – Running free…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...