Riepilogo

Holahola… era da una vita che non scrivevo una mazza, in effetti è anche da parecchio che non uso messenger tanto spesso, il termine tecnico è "allergia da pc" quella reazione naturale della tua psiche che al rientro a casa dopo 10 ore di lavoro e 2 di coda ti causa mancamenti, giramento di testa e conati di vomito appena di passa per l’anticamera del cervello l’idea di rimetterti davanti allo schermo di nuovo. Vabbè, che posso farci… sono i difetti del lavoro d’ufficio.
Da raccontare ce n’è fin troppe.. andiamo per ordine..
 
Oktoberfest: l’apogeo del delirio! Manco facciamo in tempo ad arrivare che quando Giampy tenta di contattare Diego scopre che a 2 ore dell’arrivo in quel di Munchen Moly è già finito al pronto soccorso… voleva sfatare il mito dei boccali da litro indistruttibili e in effetti c’è riuscito, lanciandosi in un brindisi a piena potenza con 8 metri di rincorsa il boccale gli è letteralmente esploso in mano, sfondandogliela. Fortunatamente verso le 22 lo dimettono e con il piazzale dell’Oktoberfest che sta già chiudendo riusciamo comunque a berci una bella litrozza in un locale di Monaco giusto prima di fiondarci in discoteca dove un canadese miliardario e completamente ubriaco ci prende in simpatia e ordina 100 (CENTO) simpatiche birrette in bottiglia delle quali alla fine della serata una discreta parte viene trafugata in albergo (saranno la colazione di Giampy). Al risveglio al sabato mattina rincoglionimento pazzesco (mentre vedo Giampy che appena svegliato si scola una bottiglia di birra a momenti sto male) e poi subito via verso gli stand; c’è uncaldo pazzesco e un sole cattivissimo, condizione ideale per acuire gli effetti nefasti della birra in smodate quantità. Nel pomeriggio già si fa la conta delle vittime (Richi e Kawa i primi a crollare) mentre i boccali da litro e gli stinchi di maiale non si contano. Nel tardo pomeriggio abbandoniamo la postazione, i più provati rientrano in albergo per riprendersi mentre i più temerari proseguono la giornata di delirio per Monaco. Bilancio finale: a tarda notte siamo tutti in camera salvo Giampy e Pujol che sono dispersi, Diego lamenta disfunzioni dell’apparato digerente, Moly più che addormentato sembra svenuto.
Ma tutto è bene quel che finisce bene, e alla domenica mattina siamo pronti a rientrare trionfatori ancora una volta.
 
Altro evento delirante quello di settimana scorsa al Moe’s, con una cena micidiale organizzata su richiesta di Fabietto (ormai ri-soprannominato Fabietten) durente la quale ogni invitato ha avuto modo di tirare fuori il peggio di sè. E così, mentre le ordinazioni di birra diventano sempre più massiccie, il tasso alcolico del tavolo aumenta e le discussioni si fanno sempre più vivaci; Marco non ha gradito il mio 2.06 a Monza e dice che se sono andato più forte di lui è solo perchè ho elaborato la moto, il Biavaschi è sempre più inquietante e assomiglia sempre di più a valentino Rossi; Fabietto, sedutosi vicino al Biavaschi, è condannato ad una sbronza di birra colossale, mentre suo cugino è fuori come al solito, sia ubriaco che sobrio (è praticamente uguale). E cos’, tra brindisi a base di birra e fugaci uscite al freddo per fumare una sigaretta, Marco ci racconta ci come una volta con un mix micidiale di droghe e alcool è riuscito a far sentire un sordo (?!?), mentre il Biava si diverte a far partire gli antifurti delle case con il suo super-terron-stereo con hyper-subwoofer. Alle 2 veniamo buttati fuori dal locale e con Giampy, Fabietten e ugino si fa tappa a casa mia per bersi una Beck’s (della serie: non eravamo già abbastanza pieni)….  successivamente, da Vitto a mangiare una pizza (ma si erano già fatte le 5). Al risveglio forti sensi di colpa per la pizza mangiata alle 5 del mattino (ahhh la linea…) ho rimediato saltando il prenzo.
 
Notizie Moto: buone nuove da quel di Noale, dove il 13 ottobre scorso in compagnia del Dani ho fatto visita a colui che è, a ragione, ritenuto il GURU della RSV1000: il mitico Fiorenzo Agostini (per tutti Fiore). Nuova mappatura e modifiche all’airbox per far respirare meglio la Leonessa e darle qualcosina in più in ripresa. E dove mettere alla prova queste modifiche.. se non a MONZA?? il 3 novembre, approfittando di una giornata davvero SENSAZIONALE considerata la stagiona autunnale, mi sono guduto due fantastici turni di prove libere in mezzo ai licenziati (oddio.. cha andavano davvero DA LICENZIATI ce n’erano pochi…. ma in ogni caso rispetto agli stradali un’altro mondo) e mi sono tolto qualche bella soddisfazione. Contendo che l’ultima volta che avevo usato la moto ero finito sdraiato per terra in mezo alla ghiaia (vedi due interventi fa), ero un tantino titubante, ma fortunatamente la mia  RSV ha saputo ridarmi subito quella sensazione di sicurezza e di controllo che mi fa stare così bene sulla mia moto…. già dal primo turno sono sul 2.07, e nel secondo forse potevo migliorare anche di più di un 2.06 … se non mi si fosse distrutta  la gomma posteriore (vedi foto appena uppate…) causandomi scodate da attacco cardiaco in uscita dalle curve a destra. La gomma dava segni di strappi già dopo la fine del primo turno di prove libere e la cosa è molto strana…. credo che montare una morbida al posteriore a Novembre sia stata un’autentica CAZZATA.
Postilla: il miglioramento in ripresa in effetti l’ho sentito.. ma giusto per farmi un ulteriore regalino, ecco in arrivo un bel completo di Akrapovic EVO6… giusto per essere sicuri che la potenza del veicolo sia del tutto ottimizzata 🙂 –
 
Notizie varie: il Train ha ottenuto la riapertura fino alla mezzanotte, perlomeno il mio pub di fiducia è sempre lì al suo posto e io e Giampy siamo tornati tra la cerchia dei clienti abitualissimi. Meno male và. Certo, quando la chiusura era alle 1 era meglio…. vabbè.
Questo weekend (appena passato) due lieti eventi: ho rivisto Irene (finalmente… erano 10 mesi che non ci beccavamo) e ho passato una bella giornata a Torino, come al solito mi ha fatto due regali bellissimi (la maglietta poi.. è spettacolare) mi ha fatto davvero piacere. Speriamo che non passino 10 mesi prima di vederci di nuovo! E poi il comple di mia sorella, che ha fatto 19 anni, finalmente una volta tanto sono riuscito ad azzeccare un regalo (sempre con lo zampino della mamma) peccato solo che alla cena di sabato sera ero davvero cotto e sono rientrato presto.
 
Vebbè… è tutto (mazza quanto ho scritto! :-|)            Saluti!
 
 
 

Un pensiero su “Riepilogo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...